Demi Sec Grand Cru Millesime 1996 – Andre’ Beaufort

New banner 2018 Image Banner 468 x 60

Conosciuti dagli champagnisti e non solo, gli champagne Andrè Beaufort, sono sempre capaci di far parlare di se nel bene e nel male. Premetto che non ho avuto la fortuna di recarmi in Champagne, per cui quello che vi andrò a raccontare in questo articolo, a parte la degustazione che ho fatto personalmente, è frutto delle esperienze di chi lo ha conosciuto in quel di Ambonnay. L’attività di André e Jacques Beaufort va citata non solo per la straordinarietà delle loro bottiglie. Ormai da anni l’azienda non utilizza più diserbanti e procede a una sarchiatura superficiale per limitare la diffusione delle erbacce senza intaccare le radici della vite. I concimi chimici sono sostituiti da un compost vegetale. Ripartito su tutta la superficie del suolo, trattiene la quantità di humus necessario alla vite e costituisce una sorta di schermo che mantiene più a lungo l’umidità in caso di siccità. Un modo esemplare di imporsi sul mercato, puntando non solo al fatturato ma orientandosi anche al rispetto della natura e alla salvaguardia della salute dei consumatori.

Vi dicevo che fanno parlare di se nel bene e nel male… questo perchè le bottiglie di Beaufort hanno il pregio e il difetto di essere uniche, cioè ciascuna bottiglia, seppur della stessa cuvèe, è capace di esprimersi in modo differente, e purtroppo ci può scappare anche quella inbevibile (non è il massimo dover buttare 100/150 euro di prezioso nettare…). Per fortuna a me è andata bene e la degustazione che vi vado a raccontare è quella relativa al Demi Sec Grand Cru Millesime 1996, ottenuto con 80% di pinot nero e 20% di chardonnay, con uve del grand cru di Ambonnay nella parte sud della Montagna di Reims, terroir che dona champagne potenti.

download

“Giallo dorato brillante, ancora vivo ad anticipare una freschezza al gusto che sosterrà la beva e contrasterà le parti morbide. Naso non eccessivo per potenza ma dotato di grande complessità a partire da una mineralità scura, terrosa, note di panificazione, poi la frutta matura con riconoscimenti di mela cotogna, albicocca, seguono note floreali dolci di acacia e camomilla e sfumature di miele. Al sorso una discreta morbidezza contrastata da una ancora viva acidità e un finale decisamente sapido. Lunga la persistenza, più intenso che al naso e di buona qualità nel complesso.

Nonostante gli anni in bottiglia si presenta ancora pronto e ancora in grado di arricchirsi.

 

 

3 tappi

 

 

 

Alla prossima!!!

Share

Lascia un commento