Marcato

New banner 3 Image Banner 728 x 90

Marcato è posta a Roncà, in Veneto, a cavallo tra le province di Verona e Vicenza. Fondata nel 1904, dopo oltre un secolo di storia, nel 2013 è iniziato un nuovo corso per l’azienda che, con Gianni Tessari e la sua famiglia, ha introdotto tecniche innovative, mantenendo sempre però un’occhio attento a quello che il passato ha insegnato. unnamed-1La superficie vitata disponibile è di 55 ettari dove trovano spazio varietà a bacca bianca tra le quali spiccano le autoctone Durella, Garganega e Trebbiano di Soave, mentre tra quelle a bacca rossa spazio alle internazionali come Cabernet e Merlot. Nel moderno stabilimento da 7.000 Mq di Roncà vengono trasformati in vino circa 5.000 quintali di uve. Qui troviamo, oltre agli uffici e ai locali di vinificazione, le cantine sotterranee dedicate alla maturazione degli spumanti metodo classico, sistema con cui da oltre 40 anni l’azienda produce il Lessini Durello Spumante. unnamed-7Questo vino – che ha fatto conoscere Marcato – è ottenuto da uva Durella, vitigno autoctono dei monti Lessini caratterizzato da una maturazione difficile che, offrendo un’elevata acidità, risulta perfetta per la spumantizzazione, mostrando inoltre un’innata capacità di trasferire tutta la mineralità tipica dei suoli vulcanici. La filosofia aziendale si può riassumere in due parole: uva e terra. Il credo quotidiano è il raggiungimento della perfetta combinazione/integrazione tra vitigno e territorio, allo scopo di ottenere vini caratteristici, unici, dotati di una propria identità che li differenzi tra la massa. La produzione annuale è di 400.000 e spazia dalle denominazioni Colli Berici, Lessini Durello e Soave. Vengono inoltre prodotte due linee a marchio La Giareta e I Prandi, dedicate rispettivamente a vini giovani del vicentino e del veronese. Ho scelto di raccontarvi questa moderna realtà, dal cuore antico, attraverso alcune tra le etichette più rappresentative.

 

Soave Classico MONTE TENDA 2014

80% Garganega, 20% Trebbiano di Soave

IMG_3475Paglierino bordato verdognolo a ricordarci la recente vendemmia. Lieve nella spinta aromatica che è comunque tipica e ci parla di fiori e frutti. Glicine, tiglio, mela, mandorla e una sottile nota di pietra focaia. Al palato vince l’acidità agrumata, sostenuta da una mineralità importante. Tuttavia è controbilanciato da sensazioni morbide che ne smorzano l’irruenta gioventù, addomesticandolo. Si dimostra coerentemente delicato di sorso in sorso e, nonostante la non eccessiva lunghezza, ripropone sensazioni fruttate di mela e pera, piacevoli.

 2 tappi

Soave Classico PIGNO 2013

100% Garganega

IMG_3474Compatto nella massa paglierina che presenta gli ultimi raggi verdolini. Avvicinando il bicchiere comprendo il buon bagaglio olfattivo e trovo conferma poco dopo. Sambuco, mandorlo, fico, cedro, poi ancora ginestra, pesca gialla, mango, in sottofondo roccia di fiume. Possente anche al sorso dove nel corpo ricco avverto prima sapidità e freschezza – forti e coese – che poi lasciano uscire alcol e glicerina importanti. Le parti dure invogliano a riberlo, grazie ad una lunga scia di agrumi croccanti, frutta esotica e spezie dolci.

3 tappi

Lessini Durello Brut  36 MESI

Durella 85%, Pinor Nero e Chardonnay

IMG_3639Giallo dorato compatto e lucente, nel quale si propagano numerose catenelle di piccole bolle. Primo naso intenso nel quale si evidenziano di frutti come mela golden, frutta secca, susina matura, mango, cedro, ginestra e biancospino. In sottofondo le fragranze tipiche dei lieviti e note gessose. In bocca si fa apprezzare per una certa cremosità della bolla e una freschezza che invita alla beva di pari passo a una mineralità che sa di polvere di roccia. Di media spinta e lunghezza, ci lascia sul finale ricordi di polpa di agrumi e ananas.

 2 tappi

Lessini Durello Brut 60 MESI 2007

Durella 85%, 15% Pinor Nero

IMG_3641Veste oro antico con riflessi bronzo, comunque dimostra vivacità e una presenza carbonica ancora interessante. Invita a risentirlo anticipando interessanti sfumature odorose mature ed evolute. Crosta di pane scuro, humus, fiori di campo, fieno bagnato, gelsomino, uva spina, mele, foglie di thè e una lieve mineralità gessosa. Rotondo e grasso all’ assaggio con bolle sferiche che carezzano il palato, fuse nel corpo,  e acidi presenti nella giusta misura. Si sviluppa su note di frutta candita, mele, buccia di dattero, scorza d’agrume e una lieve speziatura di curcuma.

3 tappi

www.marcatovini.it

Alla prossima!!!

Share

One comment to this article

  1. strona

    on 27 giugno 2016 at 15:36 - Rispondi

    I like your post very much:-). Looking forwad fore more. Goog luck!

Lascia un commento