Capannelle

New banner 3 Image Banner 728 x 90

Capannelle nasce nel 1975 da un’intuizione dell’imprenditore romano Raffaele Rossetti che acquista e trasforma un casale a Gaiole in Chianti nella sua azienda vinicola, ma soprattutto in un luogo di incontro ed espressione dell “arte enologica e culinaria”. Possiamo tranquillamente definire Rossetti un mecenate che amava circondarsi di artisti, in questo caso del gusto. CAP-RESTOR-01Chef, imprenditori, ma in primis gli amanti dei suoi vini, iniziano a vivere il luogo che assume di conseguenza un’aurea di esclusività, con il marchio che acquisisce nel corso degli anni sempre maggiore prestigio e i vini si posizionano sul mercato come prodotti di livello, diventando un punto di riferimento per una clientela selezionata e per i per grandi nomi della ristorazione. Tra questi fondamentale il rapporto di amicizia con Giorgio Pinchiorri dal quale nasce nel 1990 il Solare, etichetta divenuta autentico supertuscan, dall’unione esemplare di Sangiovese e Malvasia Nera. Basse produzioni, massima attenzione a partire dalla vigna e alta tecnologia unita a metodi tradizionali in cantina, fino ad arrivare alle bottiglie (che hanno un peso più elevato di quelle abituali, oltre ad un colore più scuro) realizzate per garantire i vini al tempo, con il contributo di tappi ricavati da un pregiatissimo sughero portoghese. Sono 16 gli ettari vitati di proprietà per una produzione di circa 80.000 bottiglie, molte delle quali – destinate a clienti fidelizzati – riposano in una particolare cantina termoregolata costruita come il CaveauCaveau_aperto di una banca, ed è per questo motivo così chiamata. Il timone è stato ceduto nel 1997 da Rossetti a James B. Sherwood, fondatore ed azionista del gruppo Orient – Express Hotels LTD (adesso Belmond) proprietari di alcuni degli hotel più belli al mondo, tra i quali l’Hotel Cipriani a Venezia, l’Hotel Splendido a Portofino, Villa San Michele a Firenze, Hotel Caruso a Ravello e molti altri. Sono cinque le etichette prodotte – considerando il rosato uscito nel 2014 – che vi racconterò con l’unica eccezione del 50&50, vino ottenuto dall’assemblaggio in parti uguali del Sangiovese di Capannelle in unione con il Merlot dell’azienda Avignonesi di Montepulciano.

 

CHARDONNAY 2012

100% Chardonnay

Si mostra paglierino luminoso, con lievi accenni dorati al bordo. Rivela profumi piacevoli con leggerezza, che parlano di agrumi, pesche, susine, poi ancora zagara, ginestra e gelsomino, con una sottile nota vanigliata e gessosa. All’assaggio è tagliente nella forza fresco/sapida che lo caratterizza, facendo uscire calore dopo diversi secondi, lasciando la bocca prima agrumata, poi minerale sul finale.

3 tappi

 

ROSATO 2014

100% Sangiovese

Rosa buccia di cipolla, lucente, preludio di freschezza al sorso. E’ delicato al naso dove si racconta in piccoli frutti rossi uniti a fiori, fragoline, lamponi, rosa canina e glicine. Semplice, ma pulito. Sorso che si muove su un binario freschissimo, con elevata sapidità e gradevole giovane fruttuosità, che svanisce senza troppa fretta.

2 tappi

 

Chianti Classico Riserva 2012

Sangiovese 100%

Rubino di media carica colorante che vira al granato. Docile nella spinta olfattiva elegante, lascia scoprire sensazioni di melograno, lamponi, rose e violette, sottobosco e chiodo di garofano. In bocca libera succulenza, freschezza fruttata, sapidità imponente, con tannino finissimo che fa da comprimario ed esce in fondo a chiusura con ricordi torrefatti.

3 tappi

SOLARE 2010

Sangiovese 80%, Malvasia Nera 20%

Granato alla vista, che sfuma verso i bordi divenendo più scarico. Possente in olfazione con marasca, more, tabacco, iris, china, macis e polvere da sparo. Tannino imponente ma di qualità che concede lampi prima freschi, dopo sapidi, poi calorici, per poi riprendersi la scena. Di ottima sostanza al palato, si esprime con forza, slancio e lunghezza con more di rovo, ciliegie, spezie, caffè.

3 tappi

 

 

www.capannelle.it

 

Alla prossima!!!

 

 

Share

Lascia un commento