Fabrizio Bianchi Sangiovese 2006 – Castello di Monsanto

New banner 3 Image Banner 728 x 90

L’azienda Castello di Monsanto, nota soprattutto per gli eleganti e austeri Chianti Classico, vedi “Il Poggio”, nasce su iniziativa di Aldo Bianchi, che nel 1960 rimase attratto da questi luoghi e dal castello risalente al 1700. Ma è soprattutto il figlio Fabrizio ad avere la grande passione per il vino e a partire dal 1962  insieme all’infaticabile aiuto di sua moglie Giuliana, cominciò a piantare nuove vigne e ristrutturare i numerosi casali. Da qui inizia un’ incredibile storia di amore, passione e gioia verso il vino e tutto ciò che lo circonda. In questo articolo voglio raccontarvi di una degustazione del suo sangiovese, che peraltro porta il suo nome. Sempre più convinto del valore del Sangiovese, nel 1974 crea, dalla Vigna di Scanni, impiantata nel 1968, il Fabrizio Bianchi Sangioveto – allora etichettato Sangioveto Grosso –  un vino da Tavola da sole uve Sangiovese, che fece sicuramente da apripista per la valorizzazione di questo vitigno in Toscana. Oggi questo sangiovese in purezza possiamo trovarlo in enoteca con la denominazione IGT Toscana Fabrizio Bianchi Sangiovese, che dopo un invecchiamento di circa 18 mesi in botti francesi da 5hl, rimane un anno in bottiglia per l’affinamento.

monsanto

Il campione che ho degustato è relativo all’annata 2006 che si presenta nel bicchiere con un colore rosso granato scarico di media consistenza. Il naso, intenso, di buona qualità, rivela note terziari animali ed eteree, con ritorni di frutta rossa matura, fiori appassiti e sottofondo minerale. Al sorso denota una buona morbidezza, con acidità consumata ma presente, ed un tannino che ancora ruggisce ma senza dare fastidio e che contrasta la decisa alcolicità donando equilibrio gustativo. Intenso come al naso,  di media persistenza e di qualità fine. Vino che definisco maturo ed armonico, per un punteggio complessivo di 85/100

 

Per maggiori informazioni potete visitare il sito dell’azienda (meglio sarebbe una visita in cantina)  al seguente link http://www.castellodimonsanto.it/

Share

Lascia un commento